Chiusura
Vedi tutti
Loading...

Pogačar e Kopecky, i due lati della Strade Bianche

05/03/2022

Tadej Pogačar ha deciso di fare delle Terre di Siena il suo parco divertimenti per un giorno. E non ha nemmeno dovuto chiedere il permesso a nessuno: sul tratto di strade bianche di Monte Sante Marie ha indurito il rapporto e ha iniziato a mulinare sui pedali, da seduto, senza guardarsi indietro. Nel giro di qualche centinaia di metri, anche il campione del mondo Julian Alaphilippe, malconcio dal back flip di qualche minuto prima, ha capito che per oggi non ce n’era per nessuno ed era meglio mettersi a disposizione del compagno Kasper Asgreen.

Così Pogačar si è preso il lusso di affrontare gli ultimi settori di sterrato, Monteaperti, Colle Pinzuto e Le Tolfe, solitamente i giudici supremi della Strade Bianche, con un rassicurante vantaggio sugli avversari superiore al minuto. Il conta chilometri, alla fine, indicava 50 km di galoppata solitaria, l’ennesima di una carriera che, seppur sia solo agli albori, è già piena di imprese di questo genere. Un veloce riepilogo: due Tour de France, una Strade Bianche, un Lombardia, una Liegi-Bastogne-Liegi, una Tirreno-Adriatico, due UAE Tour, 34 vittorie da professionista. Il tutto in tre stagioni (e un mese) da professionista. Mica male.

Un fenomeno destinato a vincere tutto e ovunque, ma siamo abbastanza sicuri che uno scenario suggestivo come quello degli sterrati senesi se lo ricorderà per sempre. Tra 15 anni si dirà ancora “Ti ricordi quando Pogačar su Monte Sante Marie staccò tutti con nonchalance…?”.

Un ricordo indelebile che avrà certamente anche Lotte Kopecky, che qualche ora prima che Pogačar accendesse il turbo, alzava le braccia al cielo in Piazza del Campo. Se lo sloveno, però, a 50 km dall’arrivo aveva già le mani sulla corsa, la campionessa nazionale belga ha dovuto aspettare gli ultimi 50 metri per essere sicura di aver vinto.

Un faccia a faccia feroce con Annemiek Van Vleuten, una volata lunghissima cominciata sulle pendenze terribili di Via Santa Caterina e risoltasi solo sui vicoli del centro storico di Siena, appena prima di entrare nella maestosa piazza principale della città toscana. “La vittoria più bella della mia carriera” ha detto in lacrime la 26enne della SD Worx. Se Tadej è ormai abituato a dominare su questi palcoscenici, Lotte lo è sicuramente meno.

E una menzione la meritano anche quei due “vecchi” leoni che si sono dovuti accontentare della piazza d’onore: Alejandro Valverde, che a quasi 42 anni continua a stupire (ma davvero vuole ritirarsi a fine anno?) e, appunto, Annemiek Van Vleuten, che di anni ne ha 39 ma rimane la numero 1 del mondo, cosa che ha dimostrato anche oggi con attacchi e contrattacchi.

Un’altra Strade Bianche va in archivio, e anche stavolta ci siamo divertiti. Ma ormai è un’abitudine.

Seguici
sui social
# StradeBianche
top sponsor
official partners
official suppliers